Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La città di Poseidon nel Golfo di Salerno: 2500 anni di storia

Data:

17/05/2018


La città di Poseidon nel Golfo di Salerno: 2500 anni di storia

#Europawoche   #Opere_raccontanocittà   #museitaliani   #museoarcheologicopaestum  

Conferenza dell’archeologa Giuliana Tocco (in italiano con traduzione simultanea), nell'ambito della rassegna "Musei d'Italia".

Data e luogo dell'evento: giovedì 17 maggio 2018 ore 19, Istituto Italiano di Cultura di Amburgo

Ingresso libero –si prega di prenotare via e-mail all’indirizzo events@iic-hamburg.de oppure direttamente sul nostro sito.

Cosa spinse i Greci della più ricca e potente colonia della Magna Grecia, Sibari, a fondare a loro volta una città nella piana che si stende a sud di Salerno? Quali forme diedero alla nuova città, assegnandole il nome di Poseidonia? Sono gli straordinari monumenti della città a raccontarlo, prima di tutto i tre grandi templi dorici, eccezionali esempi di architettura greca e unici, per stato di conservazione in tutto il mondo greco e magnogreco, e le mura turrite conservate nell’intera perimetrazione.

Testimonianze eccezionali che richiamaronono nel ‘700 viaggiatori, in particolare architetti, disegnatori, pittori , incisori, provenienti da ogni dove, per abbeverarsi alla cultura greca e per immortalare il sito di Paestum nelle loro opere.

L’avvio dell’esplorazione archeologica, intrapresa già nello scorcio del diciannovesimo secolo e proseguita fino ai giorni nostri, ha riempito i tasselli vuoti di una storia, che si è fatta sempre più interessante, dalla fondazione alla conquista della città da parte del popolo guerriero dei Lucani, la cui presenza è testimoniata dalle celebri lastre dipinte esposte nel Museo, alla conquista romana, che si esibisce in Museo con splendide sculture e nel sito si manifesta con la piazza del foro e con i resti dell’anfiteatro.

Giuliana Tocco intraprende nel 1968 la carriera direttiva nel ruolo degli Archeologi del Ministero per i beni e le Attività Culturali e dal 1969 presta servizio in Italia meridionale presso la Soprintendenza Archeologica della Basilicata, svolgendo rilevanti campagne di scavo. Dal 1974 diviene responsabile del territorio flegreo e della Provincia di Caserta presso la Soprintendenza Archeologica di Napoli e Caserta. Dal 1985 al 2007 dirige, con le funzioni di Soprintendente, la Soprintendenza Archeologica delle Provincie di Salerno, Avellino e Benevento in Campania. Nell’ambito di questa nuova carica conduce un’ampia attività di tutela, promuove l’indagine archeologica in tutto il vasto territorio di competenza sia per interventi di emergenza sia in attuazione di programmi scientifici e dà attuazione a numerosi interventi di restauro del patrimonio archeologico mobile e immobile, tra i quali sono da segnalare, per rilevanza, il restauro dell’area archeologica di Paestum e in particolare dei templi dorici e il restauro dell’Arco di Traiano di Benevento.

Infine attua un vasto programma di valorizzazione privilegiando in particolare la realizzazione di parchi archeologici e di strutture museali, mettendo a punto le metodologie di intervento sia nell’allestimento sia nella gestione di parchi e di musei. A conclusione della carriera ha ricevuto, tra gli altri riconoscimenti, dal Presidente della Repubblica, il Diploma di Medaglia d’oro ai Benemeriti della Scuola della Cultura e dell’Arte. Attualmente è membro del Comitato direttivo della “Società Magna Grecia” di Roma, del Comitato scientifico del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali di Ravello e fa parte, quale consulente scientifico, del gruppo di lavoro istituito dal Ministero dei beni e delle Attività culturali e del turismo per la predisposizione del progetto di restauro e valorizzazione “Appia Regina Viarum”.

 

Informazioni

Data: Gio 17 Mag 2018

Orario: Alle 19:00

Organizzato da : IIC Hamburg

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Amburgo

1199