Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Mulinum: il pane come una volta e degustazione “stellata”con la chef Caterina Ceraudo

Data:

19/11/2019


Mulinum: il pane come una volta e degustazione “stellata”con la chef Caterina Ceraudo

#italiantaste   #mulinum.it  

Incontro e degustazione con Stefano Caccavari (fondatore di “Mulinum”) e con la giovanissima chef stellata Caterina Ceraudo (ristorante Dattilo a Strongoli). Traduzione simultanea dall’italiano al tedesco

Data e luogo dell’evento: 19 novembre 2019, ore 18, Istituto Italiano di Cultura di Amburgo

La manifestazione è a numero chiuso. L'ingresso sarà possibile solo su invito.

Dall’orto di famiglia alla biovalley: alle origini di “Mulinum” c'è un'idea innovativa dell'agricoltura che ha iniziato a prendere corpo quando Stefano Caccavari ha inaugurato l' “Orto di famiglia”, progetto agricolo di custodia della territorio, realizzato dove stava per sorgere la discarica per rifiuti più grande d'Europa. Caccavari ha diviso un terreno di sua proprietà in piccoli appezzamenti e li ha dati in affitto per la stagione estiva e per quella invernale: ha riunito con il passaparola e attraverso i social le famiglie del circondario, proponendo in abbonamento 100mq per coltivare in sei filari ortaggi di stagione. Così a San Floro, al centro della Calabria, al posto di un'isola ecologica da 300 tonnellate di rifiuti al giorno, è nata una bio valley. E l'orto di Rita, di Franco, di Greta, di Gianvito, di Marcello e Teresa.

“Mulinum” è arrivato subito dopo. E ha aggregato una vasta community: nel 2016 hanno risposto in tanti all'appello lanciato da Caccavari su Facebook. In un post il giovane imprenditore scriveva: «(Urgente) Salviamo l'ultimo mulino a pietra della Calabria». È scattato il tam tam e in 90 giorni il crowdfunding ha raggiunto 500mila euro. Offerte da tutto il mondo. Chi ha aderito è diventato socio: «Per molti è stato come investire sul futuro - spiega Caccavari - c'è chi ha intestato le quote ai figli». Così è nato il progetto pilota di San Floro: solo grano Senatore Cappelli e Iermano. Pane “brunetto” e pane di segale. Ricette antiche. Pizza e prodotti da forno da degustare sul posto o nei negozi calabresi: una cinquantina quelli che entro l'estate venderanno il pane a marchio “Mulinum”.

Caterina Ceraudo è laureata in enologia, ha una passione sconfinata per la cucina, ed è alla guida della cucina del ristorante di famiglia. Nel 2012, prima di indossare definitivamente la giacca da cuoca e sporcarsi le mani coi galloni di chef nel ristorante di casa, frequenta la ormai celebre Scuola di Alta Formazione di Niko Romito a Castel di Sangro in Abruzzo. L’insegnamento più importante che porterà sempre con sè è il rispetto del cibo e della sua provenienza naturale, dalla nascita e crescita di ogni ingrediente fino alla sua trasformazione nel piatto. Utilizza pochi elementi, cercando di esaltare i sapori semplici.

Il ristorante Dattilo nasce in un vecchio frantoio all’interno di un casolare del 1600, circondato dai vigneti, uliveti, agrumeti e dall’orto dell’azienda agricola Ceraudo Roberto. Ha un’architettura tipica rurale e un arredamento semplice e raffinato, un ambiente caldo, piacevole e accogliente che si sposa perfettamente con i colori e la creatività dei piatti.

La guida Michelin 2018, presentata nella cornice del teatro Regio di Parma, ha visto confermata la stella per il ristorante Dattilo guidato dalla Chef Caterina Ceraudo.

Informazioni

Data: Mar 19 Nov 2019

Orario: Alle 18:00

Organizzato da : IIC Hamburg

In collaborazione con : Mulinum und Ristorante Dattilo

Ingresso : Libero


Luogo:

IIC Amburgo

1367