Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#andar per isole: Procida || Campania, Isole Partenopee

Data:

21/10/2021


#andar per isole: Procida || Campania, Isole Partenopee

Come la vicina Ischia, la piccola isola di Procida (3,7 km2) è di origine vulcanica: rientra nella zona dei Campi Flegrei (dal greco flègo, “brucio”, “ardo”), un’area che chiude a nord ovest il Golfo di Napoli, e che fin dall’antichità è stata interessata da una vivace attività vulcanica. Nel territorio sono presenti quattro crateri, più l’isolotto di Vivara, che un tempo doveva essere unito all’isola madre, e che rappresenta un quinto cratere. L’isola vanta una frequentazione molto antica: recenti scavi condotti a Vivara hanno riportato alla luce tracce di presenza micenea (XVI-XV sec. a.C.) Il suolo dell’isola è fertilissimo ed è coltivato ad agrumeti, ortaggi, frutta (molto noto il limone di Procida) e vite. Le coste dell’isola sono generalmente molto alte e scoscese e si alternano a scenografiche insenature, dove sono nati piccoli porticcioli (a sud, ovest ed est). Di notevole interesse l’architettura procidana, che utilizza l’arco e la scala rampante come raccordi tra le strette stradine e le abitazioni. Ricorrente la presenza di terrazzi sommitali e frequente la scelta di colori pastello per le facciate: arrivare al porto di Procida vuol dire essere accolti da un inconfondibile mosaico di casette colorate.

Procida è entrata più volte nella letteratura: nell’epoca classica con Giovenale, Stazio e Virgilio, con Boccaccio nel Decameron, fino a L’isola di Arturo (1957) di Elsa Morante, che dà il nome all’omonimo premio letterario assegnato sull’isola: «Ah, io non chiederei di essere un gabbiano, né un delfino; mi accontenterei di essere uno scorfano, ch'è il pesce più brutto del mare, pur di ritrovarmi laggiù, a scherzare in quell’acqua» (L’isola di Arturo).

Dal 2007 i mari di Procida, Vivara e Ischia rientrano nell’Area marina protetta Regno di Nettuno.

Procida è stata nominata capitale italiana della cultura per il 2022 (scopri di più su >>> procida2022.com).

*Isole Partenopee: gruppo insulare comprendente le isole di Procida, Vivara, Ischia e Capri situato di fronte al golfo di Napoli e che può considerarsi come una continuazione dei campi Flegrei (a NO) e della penisola sorrentina (a S). Sono dette anche Isole napoletane (info geografiche sull’arcipelago da treccani.it).

Visita la galleria di immagini sui nostri canali social! >> Facebook >> Instagram (Foto © Agenzia Kontrolab © Comune Procida © Eugenia Santoro)

Scopri la tappa del viaggio attraverso la carta:

Visualizza a schermo intero

L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si rimette (virtualmente) in viaggio, per salpare alla volta delle isole che puntellano i mari della Penisola: arcipelaghi più o meno noti, isole di origine vulcanica o calcarea, isole solitarie, vicinissime o lontanissime dalle coste, colorate o bianchissime, brulle o rigogliosissime di macchia mediterranea, magnifici set cinematografici, e infine teatro delle estati degli italiani e dei viaggiatori internazionali.

Info sul progetto qui >>> #andarperisole

La rassegna gode del patrocinio del Ministero della Cultura (MiC).

Informazioni

Data: Da Gio 21 Ott 2021 a Gio 28 Ott 2021

Ingresso : Libero


Luogo:

online

1686