Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#andar per isole: Capraia || Toscana, Arcipelago toscano*

Data:

22/11/2021


#andar per isole: Capraia || Toscana, Arcipelago toscano*

#andarperisole è un progetto online, fruibile attraverso i canali social dell'Istituto   

Situata nel Canale di Corsica, l’isola di Capraia, estesa per 19,3 km2 (378 abitanti al luglio 2021), è facilmente raggiungibile dal porto di Livorno durante tutto l’anno. È l’unica isola vulcanica dell’arcipelago toscano, e nel corso dei secoli è stata intensamente abitata. I suoi insediamenti sono antichissimi e risalgono al protozoico (II-I millennio a.C.), come testimonia il rinvenimento di numerosi reperti legati alla vita quotidiana. Gli Etruschi ne sfruttarono il legname, presente in abbondanza sull’isola. Deve il nome alle capre selvatiche, un tempo numerose ed oggi purtroppo estinte. Per l’assenza di spiagge e per le coste scoscese l’isola è tra le più selvagge dell’arcipelago, e forse ancora la meno frequentata dal turismo di massa. Contribuisce in tal senso la storia moderna dell’isola: nel 1873, all’indomani della nascita del Regno d’Italia, il Comune di Capraia ha ceduto un terzo del territorio dell’isola al Ministero dell’Interno per ospitare una colonia penale agricola. La colonia è stata soppressa solo nel 1986, inaugurando la vita turistica dell’isola. Capraia vanta un’omonima isola nell’arcipelago delle Tremiti in Puglia.

Nel 1996 è stato istituito il Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano, che protegge l’intero arcipelago, unitamente agli isolotti minori del Canale di Piombino e del Mar Tirreno.

*Toscano, Arcipelago. Situato tra la costa toscana e la Corsica, comprende sette isole principali (Elba, Capraia, Pianosa, Montecristo e Gorgona, comprese nella provincia di Livorno; Giglio e Giannutri, in provincia di Grosseto) e diversi piccoli isolotti e scogli rocciosi. Le isole (superficie complessiva 300 km2 circa.) Mostrano sensibili diversità di costituzione geologica. Presentano (tranne Pianosa) un rilievo accidentato, benché basse, e vengono considerate il residuo di un’area continentale sommersa, la Tirrenide, di cui avrebbe fatto parte anche l’Argentario (info geografiche sull’arcipelago da treccani.it).

Visita la galleria di immagini sui nostri canali social! >> Facebook >> Instagram (Foto © Mauro Maradini)

Scopri la tappa del viaggio attraverso la carta:

Visualizza a schermo intero

L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si rimette (virtualmente) in viaggio, per salpare alla volta delle isole che puntellano i mari della Penisola: arcipelaghi più o meno noti, isole di origine vulcanica o calcarea, isole solitarie, vicinissime o lontanissime dalle coste, colorate o bianchissime, brulle o rigogliosissime di macchia mediterranea, magnifici set cinematografici, e infine teatro delle estati degli italiani e dei viaggiatori internazionali.

Info sul progetto qui >>> #andarperisole

La rassegna gode del patrocinio del Ministero della Cultura (MiC).

Informazioni

Data: Da Lun 22 Nov 2021 a Lun 29 Nov 2021

Organizzato da : IIC Amburgo

Ingresso : Libero


Luogo:

online

1731