Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#andar per isole: Isola d'Elba || Toscana, Arcipelago toscano*

Data:

13/11/2021


#andar per isole: Isola d'Elba || Toscana, Arcipelago toscano*

L’isola d’Elba (223 km2) è la più grande dell’Arcipelago toscano, nonché la terza di Italia per grandezza. Si trova a poca distanza dal prospiciente promontorio di Piombino, dal quale è separata dall’omonimo canale di 10 km. L’isola si presenta prevalentemente montuosa, con il Monte Capanne che raggiunge i 1019 m, con una costa profondamente frastagliata e con un clima dolce che la assomiglia per alcuni tratti a quello siciliano. L’isola ospita sette comuni, tutti compresi nel comune di Livorno, e più di 30.000 abitanti (dato 2019). Lo sfruttamento delle cave di ferro, oggi in esaurimento, è stato per secoli un’importante risorsa per l’isola. Anche il toponimo antico – per i Greci Aithàle (fuliggine, dalla lavorazione del ferro – ricorda questa vocazione. Sotto i romani l'isola divenne Ilva, poi Ilba e infine Helba.

Tracce di frequentazione dell’isola si datano al periodo preistorico

L'isola è stata frequentata fin dal periodo preistorico, e per la sua posizione strategica è stata a lungo contesa: in età moderna tra Spagnoli e Francesi. Ufficialmente annessa all’Impero Francese a seguito del Trattato di Amiens (1802-1815), nel 1814 ospitò Napoleone in esilio per dieci mesi.

Fiorente il turismo, che oggi è una delle principali risorse dell’isola. Oltre all’attività balneare, la vela e il diving, importante è l’escursionismo, che si sviluppa in un’articolata rete di sentieri in spettacolari posizioni panoramiche. Nel 1996 è stato istituito il Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, che protegge l’intero arcipelago, unitamente agli isolotti minori del Canale di Piombino e del Mar Tirreno.

*Toscano, Arcipelago.Situato tra la costa toscana e la Corsica, comprende sette isole principali (Elba, Capraia, Pianosa, Montecristo e Gorgona, comprese nella provincia di Livorno; Giglio e Giannutri, in provincia di Grosseto) e diversi piccoli isolotti e scogli rocciosi. Le isole (superficie complessiva 300 km2 circa.) Mostrano sensibili diversità di costituzione geologica. Presentano (tranne Pianosa) un rilievo accidentato, benché basse, e vengono considerate il residuo di un’area continentale sommersa, la Tirrenide, di cui avrebbe fatto parte anche l’Argentario (info geografiche sull’arcipelago da treccani.it).

Visita la galleria di immagini sui nostri canali social! >> Facebook >> Instagram (Foto  © Lisa Bruci © Silvia Camporesi - Pianosa. Il porticciolo 2013 © Corinna Del Bianco © Mauro Maradini © R. Ridi per Ente Parco Nazionale Dell'Arcipelago Toscano

---

Scopri la tappa del viaggio attraverso la carta:

Visualizza a schermo intero

 L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si rimette (virtualmente) in viaggio, per salpare alla volta delle isole che puntellano i mari della Penisola: arcipelaghi più o meno noti, isole di origine vulcanica o calcarea, isole solitarie, vicinissime o lontanissime dalle coste, colorate o bianchissime, brulle o rigogliosissime di macchia mediterranea, magnifici set cinematografici, e infine teatro delle estati degli italiani e dei viaggiatori internazionali.

Info sul progetto qui >>> #andarperisole

La rassegna gode del patrocinio del Ministero della Cultura (MiC).

Informazioni

Data: Da Sab 13 Nov 2021 a Sab 20 Nov 2021

Ingresso : Libero


1725