Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

#piazzadante - Pineta di Classe (tappa letteraria)

Data:

08/07/2021


#piazzadante - Pineta di Classe (tappa letteraria)

Un’aura dolce, sanza mutamento

avere in sé, mi feria per la fronte

non di più colpo che soave vento;

per cui le fronde, tremolando, pronte

tutte quante piegavano a la parte

u’ la prim’ombra gitta il santo monte;

non però dal loro esser dritto sparte

tanto, che li augelletti per le cime

lasciasser d’operare ogne lor arte;

ma con piena letizia l’ore prime,

cantando, ricevieno intra le foglie,

che tenevan bordone a le sue rime,

tal qual di ramo in ramo si raccoglie

per la pineta in su ’l lito di Chiassi,

quand’Ëolo scilocco fuor discioglie.

(Purg., XXVIII 7-21)

La Pineta di Classe, un grande bosco pianeggiante alle porte di Ravenna, è una riserva naturale che fin dall’anno Mille ha goduto delle cure dei monaci del vicino monastero di Sant’Apollinare in Classe. La pineta ospita piante secolari come il leccio, la roverella e i carpini bianchi, oltre ovviamente ai pini, ed è evocata da Dante come immagine del paradiso terrestre, con le fronde mosse dal vento e il canto degli uccelli. La pineta ha ispirato altri illustri poeti, tra cui Boccaccio, il quale vi ha ambientato la novella di Nastagio degli Onesti (Decameron, V giornata), successivamente ritratta mirabilmente da Sandro Botticelli (tavole oggi conservate tra il Prado di Madrid e il Palazzo Pucci di Firenze), e di poeti romantici come Lord George G. Byron (la pineta è menzionata nel Don Juan). Al Sommo Poeta è dedicato un itinerario che conduce i visitatori nei luoghi che lo ispirarono nel suo periodo di esilio ravennate. Il Comune, in onore della pineta, ha accolto nel suo stemma il caratteristico pino domestico

Visita la galleria di immagini sui nostri canali social! >> Facebook >> Instagram (© Comune Ravenna © Delio Mancini per Comune di Ravenna © Nicola Strocchi per Comune di Ravenna © Sandro Botticelli, Novella di Nastagio degli Onesti, Palazzo Pucci e Museo del Prado).

Info qui >>> turismo.ra.it

Scopri la tappa attraverso la mappa >>>

Visualizza a schermo intero

L’Istituto Italiano di Cultura di Amburgo si rimette (virtualmente) in viaggio, per disegnare, nel Settecentenario della morte, una mappa geografica dei luoghi danteschi, in un eccezionale cortocircuito tra piano reale e letterario: luoghi reali che hanno ispirato luoghi letterari e luoghi letterari che hanno dato vita a luoghi reali.

Info sul progetto qui >>> #piazzadante

Informazioni

Data: Gio 8 Lug 2021

Organizzato da : IIC Amburgo

Ingresso : Libero


Luogo:

online

1666