Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

GRAZIA DELEDDA: Il paese del vento

s-copertina-GDeledda-Blicke-der-Liebe-und-des-Neids

#Scrittori_inBiblioteca

Lettura e discussione con Klaudia Ruschkowski (curatrice della collana “Perlen – Große italienische Autorinnen des 20. und 21. Jahrhunderts”) e l’editore Lothar Wekel (Verlagshaus Römerweg). L’evento è organizzato in concomitanza con l’esposizione della mostra “Sander. Sardegna 1927” con fotografie storiche della Sardegna di August Sander.

Orario e luogo dell’evento: venerdì 19 aprile 2024, ore 19:00; Istituto Italiano di Cultura di Amburgo.

L’ingresso è libero, si prega di registrarsi tramite il portale Eventbrite: >>> GraziaDeledda.eventbrite.de

Grazia Deledda nacque a Nuoro in Sardegna nel 1871, quinta di sette figli di una famiglia benestante. Mentre i maschi della famiglia potevano studiare, Grazia, in quanto ragazza, frequenta la scuola pubblica solo fino alla quarta elementare. Tuttavia la futura scrittrice non vuole abbandonare gli studi e così riceve lezioni di italiano, latino e francese a casa e si immerge nella letteratura. Inizia a scrivere a tredici anni e pubblica i suoi primi racconti a quindici. Fin dagli esordi descrive gli usi e costumi della cultura sarda, la profonda e autentica saggezza del suo popolo, il modo di pensare e di vivere per così dire atavico, nato dallo scontro tra diverse popolazioni. Altro tema centrale è la ribellione delle giovani donne contro una tradizione che non permette l’autodeterminazione femminile. Grazia Deledda rivela la profondità dei sentimenti dei suoi protagonisti e ne mette a nudo l’anima; sullo sfondo un paesaggio descritto in modo così magistrale che si ha la sensazione di potersi immergere in esso, di sentirlo con i propri sensi.

Oltre a racconti, testi teatrali e sceneggiature cinematografiche, Grazia Deledda ha scritto 33 romanzi. “Il paese del vento” è uno dei suoi ultimi romanzi e, secondo il poeta Renzo Montagnoli, forse uno dei più belli. Il libro fu pubblicato a Milano nel 1931 ed è ora disponibile per la prima volta in tedesco con il titolo “Blicke der Liebe und des Neids”, con la traduzione di Monika Lustig.

Klaudia Ruschkowski, autrice, drammaturga, traduttrice letteraria e curatrice della collana “Perlen”, presenta Grazia Deledda, la sua scrittura e la sua carriera letteraria con parole e immagini e legge alcuni brani da “Blicke der Liebe und des Neids”. Lothar Wekel, editore e proprietario della Verlagshaus Römerweg di Wiesbaden, parla di cosa significhi inserire oggi nel programma un’autrice come Grazia Deledda e di come la sua casa editrice, che da anni pubblica importanti titoli italiani, si stia preparando alla presenza dell’Italia come Paese ospite alla Fiera del Libro di Francoforte.

  • Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura di Amburgo
  • In collaborazione con: Marix Verlag