Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Lorenzo Amurri: Apnea

#Scrittori_inBiblioteca

Presentazione del romanzo autobiografico di Lorenzo Amurri con la traduttrice letteraria Dr. Ruth Mader-Koltay e la lettrice Irene Pacini. La presentazione si terrà in tedesco. Sono previste letture ad alta voce di brani tratti dal libro in italiano e in tedesco e la proiezione di interviste (sottotitolate in tedesco) ai familiari di Lorenzo Amurri.

Data dell‘evento: venerdì 20 gennaio 2023, ore 19, Rudolf Steiner Haus (Mittelweg 11-12, 20148 Hamburg) nella Grundsteinsaal.

Ingresso libero, è richiesta la registrazione tramite >>>il portale Eventbrite.

La faccia immersa nella neve, come ovatta soffice che che gli toglie il fiato. È la vertigine dell’apnea. Pochi attimi prima Lorenzo stava sciando insieme a Johanna, la sua fidanzata. Un momento spensierato come tanti, ormai irrimediabilmente ricacciato indietro, in un passato lontano. Poi la corsa in ospedale in elicottero, il coma farmacologico e un’operazione di nove ore alla colonna vertebrale. Dai capezzoli in giù la perdita completa di sensibilità e movimenti. D’ora in avanti Lorenzo e il suo corpo vivranno da separati in casa.

Ma l’unica cosa che conta, adesso, sono le mani. Poter riprendere a muoverle, poter ricominciare a suonare la chitarra, perché la musica è tutta la sua vita. Dalla terapia intensiva ai lunghi mesi di riabilitazione in una clinica di Zurigo, fino al momento di lasciare il nuovo grembo materno che lo ha tenuto recluso ma lo ha accudito e protetto durante la convalescenza. E il difficile reinserimento in un mondo dove all’improvviso tutto è irraggiungibile e tutti sono diventati più alti, giganti minacciosi dalle ombre imponenti. Con coraggio e determinazione Lorenzo Amurri racconta il suo ritorno alla vita: la voglia di vedere, di toccare, di sentire; di riprendere a far tardi la notte insieme agli amici, di abbandonarsi all’amore della sua donna e riconquistare la libertà che gli è stata rubata. Ogni tappa è una lenta risalita verso la superficie, un’apnea profonda che precede un perfetto e interminabile respiro.

Lorenzo Amurri nasce a Roma nel 1971. Musicista e produttore musicale, ha suonato e collaborato con diversi artisti (Tiromancino, Lola Ponce, Lory D, Asia Argento, Franco Califano). All’età di 26 anni, durante una discesa sugli sci al Terminillo, si scontra contro il pilone di una seggiovia e rimane quasi completamente paralizzato dal collo in giù. Alla sua lunga esperienza di riabilitazione fisica ed emotiva sono legati due romanzi autobiografici pubblicati da Fandango Libri. Il primo è “Apnea” del 2013, un esordio considerato un successo editoriale, finalista al Premio Strega 2013, vincitore del Premio Strega Giovani e del Premio dell’Unione Europea per la letteratura 2015. Il secondo è “Perché non lo portate a Lourdes?”, pubblicato nel 2014, cronaca del suo viaggio da non credente a Lourdes. “Tracce di ruote”, una raccolta dei suoi primi scritti tratti dall’omonimo blog, esce a cinque anni dalla sua scomparsa, sopraggiunta il 12 luglio 2016.

Lorenzo Amurri: Bis ich wieder atmen konnte

nonsolo Verlag, 2022; aus dem Ital. übersetzt von Ruth Mader-Koltay
Orig.: Apnea; Fandango Libri, 2013

 ************

Le Invasioni Barbariche – L’INTERVISTA A LORENZO AMURRI:

 

  • Organizzato da: IIC Hamburg
  • In collaborazione con: Non Solo Verlag