Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Victoria De Grazia: Il fascista perfetto

s-Victoria-de-Grazia_foto-privat

#Scrittori_inBiblioteca

Victoria De Grazia presenta il suo nuovo libro “Il fascista perfetto”, con la moderazione di Karen Krüger (in tedesco e italiano).

Orario e luogo dell’evento: martedì 30 aprile 2024, ore 19.30; Literaturhaus Hamburg, Eddy-Lübbert-Saal, Schwanenwik 38, 22087 Amburgo (anche in streaming online)

I biglietti per la sala costano 12/8 EUR, quelli per lo streaming 6 EUR. Informazioni sull’acquisto dei biglietti su literaturhaus-hamburg.de

Nel giugno del 1926 Roma fu teatro di uno spettacolare evento pubblico: si celebrò un “matrimonio fascista”, con tanto di Mussolini come testimone. Lilliana Weinman, una celebre cantante lirica americana proveniente da una famiglia di industriali ebrei, e Attilio Teruzzi, veterano di guerra altamente decorato, partecipante alla marcia su Roma e leader spietato, convolarono a nozze. Il virile marito tuttavia sentì presto che l’indipendenza della moglie violava il suo onore e chiese il divorzio – ma la moglie e la Chiesa cattolica non ci pensarono nemmeno di acconsentire. Il matrimonio forzato divenne un problema per il giovane Teruzzi, mentre si profilavano all’orizzonte le prime leggi antisemite dello Stato fascista.

In “Il fascista perfetto – Una storia di amore, potere e violenza” (Wagenbach; traduzione: Michael Bischoff), Victoria de Grazia, professoressa emerita di storia alla Columbia University di New York, sviluppa un’epopea sociale ricca e accattivante che rende tangibile il clima culturale dell’epoca con sguardi trasversali alla letteratura, alla moda, al contesto cittadino e alle relazioni amorose. Il libro mostra come il partito di Mussolini abbia imposto la sua rivoluzione nei rapporti interpersonali e illustra le cause per l’ascesa e la caduta del “fascista perfetto”.

  • Organizzato da: Literaturhaus Hamburg
  • In collaborazione con: Istituto Italiano di Cultura di Amburgo